Tre buoni motivi per augurarsi che la Juventus arrivi in finale:

1 – Ranking Uefa. Con la gara di ieri sera la Germania ha superato nuovamente l’Italia nella graduatoria annuale, così come la Germania ha limitato i danni con la vittoria del Bayern (seppur fine a sé stessa). In caso di qualificazione del Real Madrid (che comporterebbe, di conseguenza, anche la sconfitta della Juventus nella gara singola), ci troveremmo ulteriormente staccati dal calcio iberico. Al contrario una qualificazione della Juventus ci consentirebbe di avvicinarci (in ottica 2016/2017) alla Germania ed all’Inghilterra.

2 – L’eventuale scalata dell’Italia nel ranking è un beneficio non solo per la Juventus ma anche per le altre italiane: un posto nella Champions significa almeno 30 milioni di euro, soldi che arrivano dal mercato calcistico internazionale e non da risorse interne. È abbastanza irreale dover notare che non si capisca quale fondamentale importanza economica potrebbe avere la qualificazione della Juventus (e, in misura minore ma nemmeno troppo, di Napoli e Fiorentina) per tutte le altre società. Ci sono tifosi che non comprendono che, tifando per l’eliminazione, sostanzialmente sperano di vedere la propria squadra esclusa dalle competizioni europee e con meno denaro da investire sul mercato. Un esempio: se l’Italia fosse terza nel ranking, oggi Lazio, Roma e Napoli si giocherebbero solo l’ingresso nel tabellone principale. Ma il ranking dipende dalla strada che percorrono le società.

3 – Siamo italiani. Spesso dimentichiamo che i momenti di difficoltà si superano assieme. Il calcio italiano, abituato a monopolizzare le Coppe per anni, da un decennio non porta a casa più nulla (ad esclusione dell’Inter di Mourinho), relegato ad un ruolo da comprimari depressi. Non si tratta solo di calcio. Non dimentichiamo che il calcio rappresenta lo 0,6% del PIL italiano, non esattamente bruscolini, per un giro d’affari di 9 miliardi di euro.

Quali fattori decideranno la partita? Quanto contano i numeri, e quindi i dati nell’andamento del match di stasera? Partiamo da un dato fondamentale: quante possibilità ha la Juventus di passare il turno? La risposta c’è. Il 47%. Perché il 53% delle volte una squadra sconfitta per 2 a 1 in trasferta è riuscita a ribaltare il risultato e qualificarsi. Il che non deve scoraggiare i tifosi juventini, visto che i bianconeri hanno già superato il Borussia Dortumund partendo proprio dal 2 a 1 a Torino. Ma stasera sarà un’altra storia, perché i numeri del Real Madrid sono impressionanti. Interessante la sfida, riassunta in questa infografica da Gazzabet, tra Ronaldo e Tevez, con numeri molto simili sopratutto per quello che riguarda il numero di partite vinte e perse durante questa edizione della Champion League 2015, o la percentuale di possesso palla.

Qualche curiosità: tre tra i giocatori in campo hanno già vinto la Champions assieme, con una terza squadra.

 Semifinale Champions League, Juventus e Real Madrid le statistiche, i numeri e curiosita
Immagine gentilmente concessa da: Gazzabet.it

Content & Community manager. Storytelling addicted. Scrivo markette per campare e romanzi per passione. Un giorno invertirò la tendenza. Domani no.

Rispondi