Domani no è una canzone che scrissi, senza impegno, più di dieci anni fa. Un po’ per caso, un po’ per amore, darà il titolo al mio prossimo romanzo. In realtà il libro è centrato su un altro pezzo scritto da me e musicato dai Martin Kleid, Ossessione Onirica. Su quella canzone Ernesto Celi, aka Boavida, costruisce la propria popolarità. Una popolarità di argilla che durerà il breve volgere di un’estate. L’estate del 2001. Ma allora perchè il romanzo si chiama Domani No, direte voi? Beh, per capirlo dovrete aspettare ancora qualche settimana. Intanto potete leggere il testo della canzone. Che poi non si sa mai.

Una canzone per spiegarti che si può ricominciare

filastrocca da cantare la vigilia di Natale,

quando scarti i tuoi regali e ti accorgi all’improvviso

che uno sconosciuto bussa a regalarti il suo sorriso

Mille lettere, parole, scritte ancora sulla neve

che sa quanto ti amo e caso strano non si chiede

che vuol dire esser diversi se mi alzo la mattina

e guardandomi allo specchio dico Stavo meglio prima

Una ballata nella mente dal sapore americano

quei pantaloni vecchi presi usati al mercatino

le tue papere che dicono che sono un assassino

i miei pensieri che si perdono nel rosso di un buon vino

E adesso dimmi quanto tempo aspetterò

se saprò farlo o se domani tornerò

non sono stato mai più solo di così e allora dimmi

che ci fai con quello lì

io ti aspetterò… domani no

Un profilo senza amore, un diario da sfogliare

un uccello che cinguetta ma non sa che cazzo dire

le tue ore spese male a far finta di parlare

circondata da persone con un ego da riempire

Una canzone per spiegarti che si può ricominciare

filastrocca da cantare la vigilia di Natale

quando scarti i tuoi regali e ti accorgi all’improvviso

che lo stesso sconosciuto è andato via senza sorriso

E adesso dimmi quanto tempo aspetterò

se saprò farlo o se domani morirò

non sono stato mai più solo di così e allora dimmi

che ci fai con quello lì

io ti aspetterò… domani no

io ti aspetterò… ancora un po’

 

Content & Community manager. Storytelling addicted. Scrivo markette per campare e romanzi per passione. Un giorno invertirò la tendenza. Domani no.

Un Commento

Rispondi